Legge bilancio 2021: novità per le famiglie

La Legge di Bilancio 2021 ha introdotto molti incentivi, detrazioni e bonus a favore delle famiglie. Vediamo le principali novità

Edilizia

  • Superbonus 110%: si applica a specifici lavori di isolamento termico edifici, sostituzioni impianti climatizzazione e lavori antisismici, e ad eventuali interventi aggiunti di efficientamento energetico, installazione impianti fotovoltaici, installazione di colonnine di ricarica veicoli elettrici negli edifici. Il tetto di spesa cambia a seconda dell’intervento, la detrazione è ripartita in cinque quote annuali di pari importo, la proroga in manovra rimodula la ripartizione prevedendo quattro quote annuali per le spese sostenute nel 2022.
  • Bonus mobili: detrazione al 50% sulle spese per arredi ed elettrodomestici destinati a unità abitative oggetto di ristrutturazione edilizia agevolata, su un tetto di spesa che per il 2021 si alza a 16mila euro (fino al 2020 era a 10mila euro).
  • Bonus ristrutturazioni edilizie: detrazione al 50% per lavori di ristrutturazione edilizia fino a un tetto di spesa di 96mila euro.
  • Bonus riqualificazione energetica: detrazione al 65% per lavori di riqualificazione energetica, il tetto di spesa cambia a seconda degli interventi che vengono effettuati. Se i lavori vengono fatti contemporaneamente a quelli agevolati con l’Ecobonus al 110%, si applica quest’ultima aliquota.
  • Bonus facciate: detrazione al 90% per i lavori di recupero o restauro delle facciate degli edifici, senza tetti di spesa.
  • Bonus giardini: detrazione al 36% per i lavori di risistemazione a verde di aree degli edifici condominiali, tetto di spesa 5mila euro.

Bonus idrico

Bonus di mille euro, valido per il 2021, per interventi di sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto e di apparecchi di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari.

Bonus e incentivi auto

C’è una nuova agevolazione per l’acquisto di auto elettriche nel 2021 con prezzo di listino fino a 30mila euro, destinata a nuclei familiari con ISEE fino a 30mila euro.

Vengono rimodulati gli attuali eco-incentivi per l’acquisto di auto nuove, con prezzo di listino fino a 50mila euro.

Proroga fino al 2026 per il bonus per l’acquisto di moto elettriche o ibride, pari al 30% (o 40% con rottamazione), fino a un tetto di 3 o 4mila euro.

Altri bonus

  • Bonus affitti: viene introdotto un contributo a fondo perduto per i proprietari di casa che affittano appartamenti ad uso prima abitazione e fanno un sconto sull’affitto. Il contributo è pari al 50% della riduzione del canone, fino a un massimo di 1200 euro all’anno per ciascun locatore (non per ciascun appartamento).
  • Bonus studenti fuori sede: contributo per gli studenti universitari fuori sede con ISEE fino a 2mila euro, la manovra istituisce un apposito Fondo, con dotazione di 15 milioni, modalità e criteri di erogazione saranno stabiliti con decreto ministeriale.
  • Bonus tv: sconto di 50 euro per l’acquisto di nuovi apparecchi televisivi, seguirà decreto ministeriale attuativo.
  • Bonus digitale: è destinato esclusivamente a famiglie con ISEE fino a 20mila euro, senza abbonamento Internet o smartphone, e in cui ci sia uno studente, anche universitario. Viene concesso in comodato gratuito un dispositivo elettronico dotato di connettività per un anno o un bonus di equivalente valore da utilizzare per le medesime finalità.
  • Bonus occhiali: voucher da 50 euro per l’acquisto di occhiali da vista o lenti a contatto, destinato a famiglie con Isee fino a 10mila euro.

Conciliazione vita lavoro

  • Congedo obbligatorio di paternità, che viene portato a dieci giorni per il 2021. Altre misure:
  • proroga assegno di natalità di 80 euro al mese, che quindi spetta per ogni figlio nato dal primo gennaio al 31 dicembre 2021;
  • contributo mensile fino a 500 euro al mese per le madri disoccupate o facenti parte di nuclei monoreddito con figli a carico con disabilità pari almeno al 60%.